Secondo Workshop della Community – Bologna, 7 Novembre 2018

pubblicato in: Progettare il futuro del lavoro | 0

Politiche industriali e progettazione integrata e partecipata nella Quarta Rivoluzione Industriale.

La Quarta Rivoluzione Industriale è la nuova travolgente fase di quello che Adamo Smith chiamava la fonte della ricchezza delle nazioni, ossia il lavoro organizzato. Essa sviluppa in modo inedito la manifattura come punta di diamante dell’ecosistema della conoscenza. Occorre per l’immediato futuro governare innovazioni dell’organizzazione e del lavoro partecipate, inclusive e fortemente integrate con le tecnologie abilitanti. Tutto questo richiede due livelli di azione in forte reciproco rafforzamento: a) politiche industriali a livello europeo, nazionale e territoriale orientate a favorire cambiamenti strutturali e a implementare strumenti di intervento (Bianchi), b) progettazione integrata partecipata delle imprese, delle pubbliche amministrazione, delle città, dei territori (Butera).

Più che allarmarsi sugli gli effetti sociali della digitalizzazione occorre progettare e di sviluppare insieme tecnologie abilitanti, imprese integrali, organizzazioni a rete flessibili, lavoro professionale, capacità e competenze digitali e sociali. La progettazione deve il più possibile essere svolta insieme agli stackeholders, ai lavoratori e agli utenti, per facilitare le innovazioni e la loro implementazioni, condividendo obiettivi di produttività, sostenibilità, qualità della vita. Politiche industriali e educative devono essere realizzate davvero per aiutare le imprese e i lavoratori a rafforzarsi nella transizione.

Ricerche, modelli e esperienze della Quarta Rivoluzione Industriale in Italia sono già in corso. Esse indicano la strada di una Italy by design, un modello di innovazione top down e bottom up di forte rilievo economico, sociale e politico. Ma sono ancora una minoranza che deve donare la propria eccellenza all’intero paese e all’Europa. La diffusione della cultura e delle migliori soluzioni oggi in atto sono uno strumento primario per estendere l’innovazione a tutti i territori italiani e a tutte le imprese anche di minori dimensioni e per valorizzare il lavoro di tutti.

La Community “Progettare Insieme” è un network volontario e super partes di protagonisti della Quarta Rivoluzione Industriale: pubblici amministratori, imprenditori, docenti, sindacalisti, giornalisti , le cui esperienze e conoscenze sono un punto di riferimento in Italia.

I workshop a inviti a hanno per obiettivo quello di connettere i partecipanti con chi opera in questo campo (scambio di esperienze, confronto di idee, creare premesse di cooperazione) e di generare proposte e progetti su: i) piani di politica industriale su tutti e tre i pilastri della Rivoluzione Industriale; ii) narrazione e diffusione di casi esemplari di valorizzazione del lavoro; iii) formazione di manager e professionisti 4.0 e di persone integrali; iv) partecipazione progettuale.

I partecipanti, partendo dalle proprie esperienze, formuleranno valutazioni e proposte che orienteranno il lavoro della Community e che saranno diffusi attraverso riviste scientifiche, media e social.

Introduzione

  • Patrizio Bianchi, Assessore Regione Emila Romagna, Professore e già Rettore della Università di Ferrara La quarta rivoluzione industriale: le politiche industriali e il Patto per il Lavoro.
  • Federico Butera, Professore Emerito Università di Milano Bicocca e Presidente Fondazione Irso La Quarta Rivoluzione industriale: la progettazione congiunta e partecipata di tecnologia, organizzazione, lavoro.

Discussione

Un giro di tavolo in cui i partecipanti presentano brevemente le loro valutazioni, esperienze e proposte di azioni. Se lo desiderano potranno anticiparle con un contributo di due o tre pagine anche già pubblicato. L’evento verrà registrato in video e postato sui siti dell’Ente ospitante, della Community, dei partecipanti. Verrà redatto un report disponibile per i partecipanti, per la stampa e da pubblicare su Studi Organizzativi e altre riviste del settore. I contributi e il video anche del 1° Workshop di Milano sono disponibili su https://irso.it/community-progettare-insieme/.

Coordina

  • Edoardo Segantini, Corriere della Sera

Contributi

Partecipano

  • Ilaria Armaroli, Dottoranda Adapt Università di Bergamo
  • Sebastiano Bagnara, già Segretario International Ergonomic Association
  • Sanzio Bassini, Direttore Business Unit HPC High Performance Computing Cineca
  • Silvano Bertini, Dirigente Regione Emilia Romagna
  • Tiziana Bocchi, Responsabile Politiche Industriali UIL
  • Sonia Bonfiglioli, Presidente Gruppo Bonfiglioli
  • Armando Branchini, Vice Presidente Altagamma
  • Milco Cassani, Segreteria CGIL Emilia Romagna
  • Alberto Cipriani, Responsabile Organizzazione del lavoro FIM
  • Angelo Colombini, Segreteria Generale CISL
  • Giorgio De Michelis, Professore Ordinario Senior Università di Milano Bicocca
  • Sebastiano Di Guardo, Direttore Azienda Multiservizi Farmacie e Fondazione Irso
  • Morena Diazzi, Direttore Generale Direzione Economia della Conoscenza del Lavoro e dell’Impresa RER
  • Filippo Di Gregorio, Direttore del Personale Dallara
  • Francesco Frieri, Direttore Generale REII Regione Emilia Romagna
  • Marco Leonardi, Professore Ordinario Università di Milano, già Consulente Economico della Presidenza del Consiglio
  • Enrico Loccioni, Imprenditore, Presidente Loccioni
  • Cinzia Maiolini, Ufficio progetto lavoro 4.0 CGIL
  • Giovanni Mari, Professore Ordinario Senior Università di Firenze
  • Enzo Mingione, Professore Emerito Università di Milano Bicocca
  • Luciano Poma, Responsabile Scientifico Industria e Innovazione Nomisma
  • Andrea Pontremoli, Amministratore Delegato Dallara
  • Dario Rea, Dirigente IMA
  • Roberto Righetti, Direttore ERVET
  • Gino Romiti, Direttore Innovazione Loccioni
  • Elena Rossi, Gabinetto del Presidente della Giunta Regione Emilia Romagna
  • Luca Rossi, Direttore Confindustria Emilia Romagna
  • Isabella Seragnoli, Presidente GD Spa
  • Marina Silverii, Direttore ASTER
  • Alessandro Sinatra, Professore Ordinario Senior, già Rettore Università LIUC
Condividi

Lascia un commento