Il patto per il lavoro per creare valore aggiunto e lavoro di valore: un workshop a Palazzo Reale a Milano

postato in: Post | 0
Tecnopòlo Bologna, il più grande centro di Big Data e AI d'Europa: verso la data ValleyTecnopòlo Bologna, il più grande centro di Big Data e AI d’Europa: verso la data Valley

Human Tecnopole di Milano nell’area Expo: verso Mind Innovation District

Il Patto per il Lavoro dell’Emilia-Romagna è stato siglato il 20 luglio 2015 da 50 attori pubblici e privati del territorio (imprese, sindacati, Pubbliche Amministrazioni, scuole, università, associazioni di rappresentanza, ecc.) dell’Emilia Romagna che si sono impegnati a focalizzare azioni per raggiungere uno scopo comune concordato: accrescere il valore aggiunto dell’economia locale e, con esso, creare lavoro di qualità.

Il Patto è stato un insieme di programmazione regionale, politica industriale, politica del lavoro e politica formativa sostenute da una organizzazione per fare avvenire le cose. Gli elementi che lo distinguono sono stati: un’idea forte (aumentare il valore del lavoro e dei lavoratori); un obiettivo sintetico chiave (passare dall’11% al 5% di disoccupazione nell’arco del mandato); un inedito metodo rigoroso di partecipative governance (governo socialmente partecipato).
I risultati complessivi del Patto (dati del secondo trimestre 2019) sono stati:
a. il valore aggiunto aumentato dell’1,4% nel 2016, dell’1,8% nel 2017, dell’1,5% nel 2018;
b. gli occupati aumentati di 135mila unità dal 2015 con un tasso di occupazione del 71,3
c. la disoccupazione scesa dal 12% al 5 %.
d. il Tecnopòlo di Bologna che diventa -uno dei principali centri di supercomputing d’Europa
Scopo della ricerca della Fondazione Irso – condotta da Federico Butera, Giorgio De Michelis, Paolo Perulli, Francesco Seghezzi, Gianluca Scarano- è stato quello di andare oltre la specificità emiliano-romagnola del Patto per identificare e tipizzare il modello e i metodi seguiti in vista della loro comparazione con altre esperienze.
Il Workshop del 20 Gennaio al Palazzo Reale mira ad un reciproco apprendimento con le esperienze milanesi, in particolare quelle promosse dal Comune di Milano.

Leggi la locandina
Leggi Sintesi della Ricerca
Leggi Intervento di Federico Butera
Leggi articolo di Marco Leonardi
Leggi Articolo di Patrizio Bianchi
Leggi articolo di Edoardo Segantini
Leggi articolo di Dario Di Vico: MI-BO Un corridoio per città gemelle

Foto Evento

Video intervento di Cristina Tajani, Federico Butera, Paolo Perulli

Ascolta intervento di Patrizio Bianchi

Condividi

Lascia un commento